PERCORRENDO LE VIE DI PELLEGRINAGGIO DAGLI APPENNINI AL DELTA DEL PO “CAMMINI”

PERCORRENDO LE VIE DI PELLEGRINAGGIO DAGLI APPENNINI AL DELTA DEL PO “CAMMINI”

Leader 2014-2020 – Progetto di cooperazione interterritoriale regionale

PARTNER:

  • GAL DELTA 2000 (Capofila)
  • GAL VALLI MARECCHIA E CONCA
  • GAL L’ALTRA ROMAGNA
  • GAL DEL DUCATO
  • GAL APPENNINO BOLOGNESE
  • GAL ANTICO FRIGNANO E APPENNINO REGGIANO

 

BUDGET:

  • Budget complessivo: € 875.206,00
  • Budget GAL DELTA 2000: € 322.000,00
  • Budget GAL VALLI MARECCHIA E CONCA: € 112.726,00
  • Budget GAL L’ALTRA ROMAGNA: € 213.780,00
  • Budget GAL DEL DUCATO: € 118.950,00
  • Budget GAL APPENNINO BOLOGNESE: € 88.250,00
  • Budget GAL ANTICO FRIGNANO E APPENNINO REGGIANO: € 19.500,00

 

OBIETTIVI:

Il progetto è strettamente connesso al progetto regionale che APT Servizi e la Regione Emilia-Romagna stanno portando avanti sui “Cammini Regionali”. In particolare, attraverso l’approccio partecipato, i GAL intendono organizzare itinerari e percorsi che siano strutturati con servizi efficienti e con il coinvolgimento della popolazione locale. Soltanto se i cittadini sono realmente coinvolti nella strutturazione di itinerari che prevedono una fruizione “lenta”, come il cammino, la bicicletta, la barca, il cavallo, possono accogliere il visitatore e il turista con un senso di ospitalità che da percorso turistico diventa un percorso esperienziale. Il turismo dei cammini, è un turismo esperienziale che sempre di più attira visitatori permettendo di immergersi nelle tradizioni, nei sapori e nei “saperi” tramandati da generazioni a generazioni.

Sempre più spesso ci troviamo di fronte a itinerari che sulla carta hanno sicuramente un fondamento scientifico e storico e/o un elevato valore naturalistico, che purtroppo è poco “sentito” dalla popolazione che ci abita e che ci vive. L’operato dei GAL è dunque rivolto a creare la connessione tra un’offerta turistica di itinerari fruibili in maniera lenta (a piedi, in barca, in bici, a cavallo, ecc.) e la popolazione locale. In questo modo i piccoli borghi e centri rurali possono rappresentare veri e propri attrattori per turisti alla ricerca di “esperienze”, e contribuire a generare un indotto per la popolazione locale e nuove opportunità occupazionali per le giovani generazioni.

Il valore aggiunto di portare avanti in un progetto in cooperazione tra i territori rurali della regione Emilia-Romagna, seppur diversi come gli Appennini e il Delta del Po, è proprio quello di esaltare le specificità e le diversità di ciascun territorio, in un unico disegno di itinerari e percorsi che possono attrarre non solo escursionisti per una giornata, ma anche turisti che decidono di attraversare borghi, piccoli centri, fiumi e canali, valli, vallate, colline, montagne fermandosi per più giorni nelle aree rurali, creando economia e posti di lavoro

 

DURATA

Da febbraio 2020 a dicembre 2022

Materiali utili

Scheda di sintesi

Accordo di cooperazione